ProvocAZIONE (in)discussa.

3 ottobre 2013 | Giorgia | Stampa articolo |
ProvocAZIONE (in)discussa.
Arte Moda e Cinema
0

Qualche tempo fa mi sono imbattuta, anche se di caso non si è trattato, in un libro estremamente interessante, non soltanto per i contenuti, mi riferisco all’arte contemporanea, ma per aver avuto la capacità di risvegliare, anche per un discorso di riscontro visivo, la necessità di conoscere, la sete di sapere e soprattutto la sensazione di essere provocati.

Per chi volesse consiglio l’appassionante lettura di “lo potevo fare anche io” di Francesco Bonami. Ma dilunghiamoci ancora un po’, perché definirla appassionante? Non tutti possiamo ritenerci appassionati d’arte, sicuramente nè possiamo apprezzare la valenza estetica in alcuni casi, ma il discorso si fa ben diverso se si parla di arte contemporanea e concettuale, ancor di più se l’occhio inesperto non ci aiuta nella comprensione. Oggettivamente, quante volte capita al giorno di sentirsi stuzzicati o intellettualmente provocati, quante volte un discorso suscita in noi la voglia di tracciare una diversa linea dei nostri pensieri, o magari sradicarla del tutto?
3, 10, mille o zero?!
Nella società moderna, tutto è possibile e concesso (o quasi), il rischio di sentirsi emotivamente atrofizzati c’è (o forse) e si vede anche, quindi prendendo spunto da chi, al contrario mio, ha le facoltà e il sapere per scrivere d’arte, riporto ad esempio l’artista che sembra essere il più fastidiosamente irriverente del momento o almeno uno dei più discussi.
Maurizio Cattelan, artista Italiano (è giusto sottolinearlo) nato a Padova nel 1960.
L.O.V.E in Piazza Affari a Milano

l.o.v.e

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A Perfect Day ( la persona al muro è il gallerista di Cattelan)

cattelan_a_perfect_day1

 

 

 

 

 

 

 

 

Senza titolo

senza titolo

 

 

 

 

 

 

La nona Ora

cattelan7

 

 

 

 

 

 

E inoltre:

Nel 1993 alla Biennale di Venezia ha messo in scena “Lavorare è un brutto mestiere” , l’obbiettivo era quello di vendere ad un’agenzia pubblicitaria il suo stesso spazio espositivo, mentre a New york ha aperto la “Wrong Gallery”, una vetrina dove di volta in volta viene esposto un’artista. Per questo e per tanto altro vi cito le mio fonti: http://mauriziocattelan.altervista.org

Torna su