Chavez chiede al popolo venezuelano di votare Maduro per rimpiazzarlo

11 dicembre 2012 | Redazione | Stampa articolo |
Chavez chiede al popolo venezuelano di votare Maduro per rimpiazzarlo
Attualità
0

Per la prima volta da quando gli diagnosticarono un cancro che già lo portò per ben tre volte a subire un operazione, il presidente venezuelano Hugo Chavez palesò dubbi sulla possibilità di continuare alla presidenza del paese, e sabato, a quattro settimane di distanza dalla vittoria elettorale del 7 ottobre, propone che il suo successore alla massima carica del paese sia l’attuale vice presidente e cancelliere Nicolas Maduro. Chavez è partito quindi alla volta di Cuba per sottoporsi ad un nuova operazione.

Il presidente lasciò senza respiro il Paese quando dichiarò di dover sottoporsi ad un nuovo ed immediato intervento. “E’ stato deciso che è assolutamente necessario che io mi sottoponga ad un nuovo intervento”, disse il lider della Revolucion Bolivariana in un messaggio trasmesso nelle radio e televisioni di tutto il Paese. La notizia è emersa una settimana prima delle elezioni regionali del 16 dicembre, nelle quali i venezuelani eleggeranno i governatori delle 23 provincie.

Milioni di persone hanno invaso le strade di tutte le citta del paese per dare appoggio a Chavez cosi come la maggior parte dei presidenti latinoamericani – dal cileno Sebastian Piñera ed il colombiano Juan Manuel Santos, fino al boliviano Evo Morale, l’uruguaiano José Mujica ed il cubano Raúl Castro – esprimendo univocamente preoccupazione per la notizia ed un augurio di pronta guarigione.

Il presidente incentrò gran parte del suo messaggio sull’unità del Partido Socialista Unido de Venezuela e segnalò, nel caso non fosse stato in grado di assumere il 10 gennaio il suo mandato e fosse necessario convocare nuove elezioni, Maduro come suo successore per farsi carico di portare avanti la nuova fase del partito. “Dobbiamo garantire lo sviluppo della rivoluzione costruendo una nuova patria,con grande partecipazione e libertà, se si presenta una circostanza che può limitare il mio lavoro alla presidenza del Paese, la mia opinone è che elegiate Nicolas Maduro come presidente. Ve lo chiedo con il cuore”, evidenzia Chavez.

Dopo il discorso non si sono fatte attendere alcune pungenti dichiarazioni di disaccordo da parte di Henrique Capriles,il candidato dell’opposizione che venne sconfitto nelle ultime elezioni di ottobre da Chavez (55% a 44%), ricordando al presidente di non essere a Cuba ma in Venezuela quindi non si può parlare di successore.

In ogni modo l’assemblea nazionale ha autorizzato il viaggio di Chavez a Cuba con voto unanime da parte di tutti i legislatori acclamando il presidente prima di approvare la sua uscita dal paese,questa volta per tempo indefinito.

 

Torna su