Il problema dell’Italia siamo noi

17 dicembre 2012 | Redazione | Stampa articolo |
Il problema dell’Italia siamo noi
Costume e Società
0

Evidenziamo un articolo dal blog di Beppe Grillo che ci sembra rispecchi parecchio l’andamento attuale del nostro Paese. Andamento che pare non si discosti molto dagli ultimi 20 anni di governi. E per questo ci domandiamo cosa mai sia stato fatto per i cittadini, a livello di servizi pubblici, di tasse, di agevolazioni reali, di referendum prima approvati e poi mai fatti rispettare, vedi l’ultimo referendum sull’acqua pubblica… C’è qualcosa di concreto fatto da qualunque governo a favore dei cittadini? E’ per questo che abbiamo deciso di pubblicare questo articolo che tanto ci fa riflettere prima delle prossime elezioni che stranamente sono state approvate per il prossimo Febbraio 2013, caso mai successo prima.
“Il problema dell’Italia siamo noi, noi cittadini italiani. La colpa è nostra se il debito pubblico ha superato i 2.000 miliardi, nostra se non riusciamo a mantenere la famiglia e ci impicchiamo o ci diamo fuoco nel silenzio di un capannone per la vergogna, nostra se dobbiamo emigrare dopo una laurea conquistata a fatica perché rifiutiamo “i lavori che gli italiani non vogliono più fare”, nostra se facciamo la fila a migliaia alle mense della Caritas per un piatto di minestra perché non abbiamo voglia di impegnarci nella vita, nostra se abbiamo perso la casa a causa dell’IMU, nostra se abbiamo sbagliato il capoverso B del riquadro F della dichiarazione dei redditi e non riusciamo a onorare le sanzioni, nostra se paghiamo le tasse più alte del mondo e in cambio abbiamo i servizi più scadenti o nessun servizio e ci dobbiamo arrangiare da soli, nostra se non avremo nessuna pensione perché moriremo prima e tra qualche anno non varrà quasi nulla mentre paghiamo all’INPS le pensioni d’oro degli ex parlamentari, nostra se la sicurezza nelle città è un optional e ti puoi prendere una coltellata o essere stuprata da uno sconosciuto con precedenti penali a cui è stato dato il foglio di via, ma da qui non se ne è mai andato, nostra se veniamo travolti in bicicletta perché ci ostiniamo a non usare la macchina in assenza di piste ciclabili sicure, nostra se respiriamo l’aria tossica degli inceneritori in mancanza di una raccolta differenziata, nostra se se non abbiamo movimentato il conto corrente per più di dieci anni e lo Stato si prende tutto, nostra se abbiamo un parente malato di alzheimer, nostra se dobbiamo fare un’operazione e moriamo in lista di attesa, nostra se le aziende lasciano l’Italia per non morire di tasse, disservizi, gabelle, controlli e adempimenti inutili, nostra se conviviamo con la mafia spesso per non morire, nostra per la corruzione, le tangenti, il pizzo. Nostra se non esiste alcun futuro per i nostri figli, se le banche incassano profitti mostruosi e non concedono un prestito, un mutuo, un fido, un cazzo di niente alle piccole imprese e alle famiglie. Nostra se protestiamo e siamo manganellati, nostra se scendiamo in piazza e veniamo incarcerati per mesi senza processo come neppure sotto Pol Pot. Nostra se esiste il M5S, la vera origine di tutti i mali della Nazione, vaso di Pandora, antidemocratico, puzzolente, fascista, leninista, schifoso, massone, mussoliniano, occulto, colpevole di non aver mai rubato, ma anzi di aver restituito milioni di euro di contributi elettorali. Nostra se il M5S è il secondo movimento politico, un MoVimento che il Paese, che affonda le sue radici nella vera e illuminata democrazia dei partiti e nell’informazione di giornalisti con la schiena dritta a 90 gradi, non si merita. “

(http://www.beppegrillo.it/2012/12/il_problema_dellitalia_siamo_noi.html#commenti)

Torna su