La differenza tra diminuzione rapine e qualità della vita

19 giugno 2013 | Redazione | Stampa articolo |
La differenza tra diminuzione rapine e qualità della vita
Notizie locali
0

Leggendo Latina Oggi nell’inserto “il dossier” del 19 giugno 2013 rimaniamo sbigottiti dal titolone che riporta “Una provincia più sicura”, poi smentito dal catenaccio “Diminuiscono le rapine, ma crescono i furti in abitazione e anche gli scippi”.

Si parla di una provincia più sicura nel titolo principale e poi lo si smentisce proprio nel corpo dell’articolo per poi di volta in volta rimanere nel mezzo, fluttuando tra “…resta una situazione preoccupante…” e un “…una lieve flessione che fa aumentare la qualità della vita…”. Bisognerebbe fare cronaca e parlare della reale situazione in cui versa la provincia presa da assalto da bande criminali impegnate in ogni genere di attività, dalla prostituzione in primis fino ad arrivare ai furti in appartamento e scippi.

Dai dati del Viminale elaborati dal Sole24Ore (http://www.ilsole24ore.com/speciali/qvita_2012/home.shtml?gtdpage=qvita_2012_province_latina), sembrerebbe ci sia stata una leggera flessione dal 2011 al 2012 dove le rapine sono diminuite seppur aumentando i furti e gli scippi. I dati del Sole24Ore però non possono e non devono essere interpretati in maniera netta ponendo in secondo piano tutti gli altri eventi criminali che compongono uno specchio completo della criminalità e della sicurezza di un paese. Anche perchè quello che si evince dai dati elaborati dal quotidiano, sono pressoché allarmanti.

Sembra un articolo surreale dove si dimentica che una provincia più sicura non è data dalla diminuzione delle rapine, o meglio, non solo da quelle ma da una generale diminuzione della criminalità sotto tutti i punti generalmente toccati proprio da queste associazioni criminali, come proprio i furti, gli scippi, la ricettazione, il riciclaggio di denaro, lo spaccio e cosi via…

La qualità della vita di un paese, di cui si parla nell’articolo, non migliora per una leggera flessione delle rapine e neppure se dovessero diminuire leggermente gli scippi ed i furti. La qualità della vita di un paese migliorerebbe qualora i servizi funzionassero a dovere, qualora la criminalità diventasse quasi impercettibile, qualora la pressione fiscale fosse adeguata ai servizi offerti e cosi via…

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su