Roma, crollo di un cantiere edile.

Muore geometra di 31 anni

28 maggio 2014 | Redazione | Stampa articolo |
Roma, crollo di un cantiere edile.
Notizie locali
0

Aveva solo 31 anni, l’ultima vittima del lavoro. Geometra, Dario Testani, è morto nell’intento di salvare un operaio dallo smottamento di un cantiere edile a Roma.

Erano quasi le 14 di ieri p0meriggio  e gli operai si trovavano all’interno di uno scavo in via della Stazione di Valle Aurelia per realizzare l’impianto fognario per un gruppo di villini, mentre uno di loro manovrava una ruspa. Secondo la ricostruzione della polizia, l’operaio stava lavorando da solo in quel momento, all’interno di una buca della profondità di oltre 2 metri, quando, all’improvviso, è stato travolto da una frana. A quel punto un suo collega e il geometra Testani, si sono precipitati nell’intento di liberare l’operaio, ma sono stati investiti da un altro smottamento. I vigili del fuoco hanno sottratto quanto prima gli operai, ancora coscienti, dalla terra, mentre per il geometra l’impresa ha richiesto molto più tempo in quanto la quantità di terra sotto cui sepolto, era maggiore. Quando i pompieri sono riusciti ad estrarlo per lui, ormai incosciente, non c’era più nulla da fare.

Ad esaminare il caso sono intervenuti anche  l’ Ispettorato del lavoro e la polizia scientifica.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su