Zulu dei 99Posse aggredito a Velletri

7 giugno 2013 | Redazione | Stampa articolo |
Zulu dei 99Posse aggredito a Velletri
Notizie locali
0

Ieri sera a Velletri, al Pub “Passo Carrabile” si sarebbe dovuto tenere il concerto dei 99Posse. Purtroppo a causa di un pestaggio da parte di 20 persone contro il cantante napoletano ed il fonico del gruppo, il concerto non è potuto nemmeno iniziare.

Infatti, poco dopo aver parcheggiato la macchina davanti al locale, Luca Persico, in arte Zulu, cantante dei 99Posse ed il suo fonico, sono stati aggrediti da un gruppo di persone armate di cinture e altri oggetti atti ad offendere.

A tutti è sembrato un attacco fascista, cosi come anche il cantante stesso commenta sul suo profilo FB: “Chi ci mette la faccia si assume i suoi rischi e noi ce la mettiamo ovunque da venti anni. Anche a Velletri stasera, quando in due – Zulù e un nostro fonico – vengono aggrediti da venti fascisti che colpiscono e scappano, appena notano che all’ingresso del locale qualcuno si è accorto di quanto sta accadendo e si muove in soccorso degli aggrediti.
Purtroppo le ferite riportate, per quanto non gravi, hanno impedito che si tenesse il live set previsto al pub Passo Carrabile. Venti a uno è la tua forza fascio infame, e anche stasera hai tenuto fede alla tua natura di vigliacco. Non abbiamo sporto denuncia perché crediamo che l’antifascismo non si pratichi in quei tribunali che assolvono gli assassini di Stefano Cucchi e comminano 100 anni di carcere a 10 compagn* per qualche vetrina rotta a Genova. La lotta continua, a testa alta come sempre, sputandovi in faccia il nostro odio!”

cronaca velletri

In una escalation europea di ferocia violenza da parte di gruppi che si dichiarano neo-fascisti e neo-nazisti denunciamo anche l’assalto al centro sociale Astra 19 nel cuore del Tufello, con una molotov contro il portone del palazzo abitato da decine di persone e ricordiamo il ragazzo francese di 18 anni, studente di scienze politiche ha perso la vita sotto l’aggressione di un gruppo neo-nazista.

Speriamo che qualcuno prenda provvedimenti per fermare questa escalation di violenza altrimenti assisteremo presto a guerre civili tra poveri!

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su