Arredo Bagno Green: Tutti i Consigli

30 ottobre 2015 | Marco | Stampa articolo |
Arredo Bagno Green: Tutti i Consigli
Green
0

Il green non è solo una moda, ma uno stile di vita: utilizzare un arredamento green in tutta la casa sarà fondamentale per rendere la vostra abitazione eco-sostenibile, per evitare inutili sprechi energetici e per risparmiare le risorse del nostro pianeta, sempre più minacciate dall’incauto sfruttamento dell’uomo. E quando diciamo tutta la casa, intendiamo proprio tutta: molte persone sottovalutano il bagno e preferiscono concentrarsi sui salotti e sulle camere da letto. Quella si chiama solo tendenza, e non eco-design. Il vero green, infatti, è una filosofia attenta all’estetica, ma che non tollera compromessi. Ecco una guida per rendere green il vostro bagno.

L’importanza dei sanitari eco-sostenibili
Quando si decide di trasformare il proprio bagno per fare un favore a Madre Natura, si deve obbligatoriamente partire dai servizi. Essere green non significa utilizzare tazze, lavandini e docce di legno, ma saper scegliere prodotti specifici progettati per limitare lo spreco dell’acqua. Il top, in questo senso è rappresentato dalle tecnologie dei prodotti Ideal Standard, detentori di brevetti come AquaBlade. Si tratta di una tecnologia che massimizza l’acqua utilizzata evitando inutili e costosi sprechi. E se proprio volete superarvi, scegliete dei servizi che siano anche composti da ceramica riciclata.

Riciclare i mobili e utilizzare cartone e legno
Per quanto riguarda il mobilio, assicuratevi che il vostro bagno green possa godere della presenza di mobili costruiti con materiali riciclati, naturali e biodegradabili. Farete di sicuro un grosso favore alla natura scegliendo questo tipo di arredo: ad esempio, ultimamente vanno molto di moda gli arredi in cartone, che sono resistenti, duraturi e perfettamente adattabili a qualsiasi ambiente. Anche il legno (che potete utilizzare pure per il pavimento) è 100% naturale ed eco-friendly ma, in questo caso, assicuratevi sempre che abbia la certificazione PEFC: questo significherà che proviene da qualcuno che gestisce le foreste responsabilmente. Cartone e legno sono dunque la soluzione più adatta perché hanno un impatto sull’ambiente pari a zero. Ma se la vostra intenzione è ridurre a zero anche l’impatto sui costi, allora potrete tranquillamente utilizzare vecchi mobili che, altrimenti, sarebbero finiti al macero: in fondo, cosa c’è di meglio di un bagno eco-friendly e persino vintage?

Verniciare le pareti con la vernice adatta
Il bagno è un luogo dove potersi sbizzarrire con i colori: attenzione, però, alle vernici che utilizzerete. Il consiglio è di evitare assolutamente le vernici tossiche, in grado di rilasciare nell’aria particelle chimiche particolarmente dannose per l’ambiente e per la vostra salute. Il mercato offre numerose alternative come le vernici atossiche e la carta da parati senza PVC, a base di inchiostro ad acqua e 100% biologica.

L’illuminazione
Sfruttate sempre e comunque la luce naturale: se ne avete la possibilità, cercate di utilizzare grandi finestre o addirittura lucernari. Se tutto ciò non è possibile, utilizzate lampadine ecologiche e possibilmente un impianto di illuminazione alimentato da pannelli solari: il fotovoltaico costa, ma si ripagherà davvero velocemente. Sia in termini di resa energetica, sia in termini di rispetto per l’ambiente.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su