Arriva Robin: il primo robot-badante per gli anziani

La nuova soluzione per il controllo remoto dello stato di salute degli anziani

8 maggio 2014 | Redazione | Stampa articolo |
Arriva Robin: il primo robot-badante per gli anziani
Attualità
0

Lo chiamano Mr. Robin ed è un robot. La sua particolarità è quella di essere stato assunto in carica di badante di Nonna Lea, 98enne romana, non più autosufficiente che, di lasciare il proprio domicilio, non ne voleva sapere.

Grazie ad un progetto del valore di 3 milioni di euro finanziato dalla UE che prende il nome di GiraffPlus, Robin e i suoi fratelli mirano a diventare la soluzione ai tanti problemi di assistenza agli anziani.
Il progetto, coordinato da Amy Loutfi, dell’Università di Orebro, in Svezia, prevede, oltre all’assistenza robotica, anche l’istallazione di sensori e dispositivi indossabili dall’anziano che tengono in costante monitoraggio lo stato di attività e di salute del soggetto e restano in costante comunicazione con i familiari, gli amici e l’eventuale personale sanitario.
Al momento, Mr. Robin è già entrato in 6 case europee ( 2 in Spagna, 2 in Svezia e 2 in Italia, fra cui, appunto, quella di nonna Lea) e, per la fine del 2014, la previsione è di poterlo distribuire in almeno altre 15 abitazioni, mentre, per la fine del 2015, i primi robot-badanti, dovrebbero già essere in commercio.
La Giraff Technologies, azienda produttrice, prevede, per ciascun robot un costo di vendita di ca. 2000 euro e di affitto mensile di 200 euro.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su